Ogni anno la Calabria cerca in tutti i modi di far parlare (male) di sé, ed anche quest’anno sembra esserci riuscita. Mentre negli anni passati abbiamo sempre dovuto attendere l’imminenza della stagione estiva per mettere in atto la nostra “attività di promozione turistica”, quest’anno abbiamo pensato bene di giocare d’anticipo. A soli sette giorni dall’inizio del 2010, infatti, con la miserabile vicenda di Rosarno siamo subito saliti alla ribalta delle cronache internazionali spiazzando tutti. Continua a leggere