Che la fine sia vicina o lontana poco importa, il danno è già stato fatto. Infatti, il giorno dopo l’uscita di scena del signor Silvio Berlusconi da Milano, detto “il Cavaliere”, la cui figura ha dominato l’ultimo ventennio della storia politica italiana, non cambierà assolutamente nulla nel nostro Paese, perché la trasformazione è già avvenuta. Contrariamente a quanto si possa pensare non ha interessato né le istituzioni, né la politica, né il costume (di cui è stato solo un degno rappresentante) ma la comunicazione. Continua a leggere

C’è un sottile strato di terra che segna la frontiera tra l’essere e l’apparire. È una regione delicata e traballante. La sua descrizione risulta complicata ed occorre un’analisi approfondita. Continua a leggere

Le nostre esistenze sono ricche di eventi più o meno significativi ma siamo noi a dare ordine, importanza e significato a ciò che ci accade quotidianamente. Per poter agire coscientemente e fare le giuste scelte abbiamo bisogno di conoscere la verità, su noi stessi, sul mondo che ci circonda, sugli altri. La prima delle due considerazioni appena esposte si verifica comunque, la seconda invece (che ha il potere di dare un senso e un significato vero e originale al nostro agire) quasi mai. Continua a leggere