Quanta pelosa indignazione, istituzionale e non, dobbiamo ancora ascoltare per i recenti fatti accaduti a Lampedusa? Non manca più nessuno? Nessun’altra reazione contrita e carica di sdegno? E perchè poi? “Siamo numeri, siam ricchi e poveri, ma siamo solo numeri…“, come recita il testo di una canzone di Raf, e la vicenda di Lampedusa è una vicenda di numeri. Continua a leggere

La Corte Costituzionale dopo otto anni si è pronunciata, dichiarando ciò che tutti già sospettavamo, a partire dal suo autore che la rinominò subito Porcellum. La legge Calderoli, ha affermato la Corte, è incostituzionale in riferimento al premio di maggioranza assegnato e all’impossibilità per l’elettore di fornire una preferenza. In sostanza per otto anni lo strumento principe della democrazia è stato boicottato e piegato ai voleri del potente di turno. Continua a leggere

Continuiamo a percorrere un doppio binario, uno che sta in primo piano ed è visibile a tutti e l’altro che si cela nel retroscena. Agiamo all’interno di una società che viaggia su una doppia morale, una pubblica ed una privata. Ci sono cose che si possono dire ma non fare e ce ne sono altre che si possono fare ma non dire. Continua a leggere