Adoro quando sento un politico affermare con ostentata perentorietà “noi diciamo no” a questo e quell’altro. Loro dicono no. Un “no” secco, anzi un NO! L’ultimo, in ordine di apparizione, è questo giovane vecchio del PD il cui nome è un vero programma. Si chiama Speranza.

Sala d’attesa di un ospedale. La TV trasmette solo Rai 1. Speranza parla. I suoi occhi sono sbarrati, quasi vitrei. Non guarda in camera. Guarda altrove. Forse è altrove. Dice “no”. No alle larghe intese, agli inciuci, alle alleanze non programmatiche. Lui/loro dicono no. Adooooooroooo quando dicono no. Mi viene da chiedermi: se dici no, esattamente che fai? Ma la risposta è implicita: sta dicendo di no. L’azione che questa gente compie è solo questa: dice di no.
E allora, no alla guerra, no alla fame nel mondo, no alla povertà. Un momento, un momento. Il PD manifesterà contro la povertà. Dal “no” passivo al “no” attivo.
Saranno in migliaia in piazza a dire no. Un mega “no” alla povertà. Credo sia qualcosa che i poveri apprezzeranno e credo che dal giorno dopo la povertà smetterà di affliggere questi poveri poveri. Loro stanno dicendo “no!”. Pensateci la prossima volta che vi permetterete di parlar male di questi giovani vecchi le cui idee sono più trite di un pesce d’aprile che nessuno capisce.
Loro dicono no. Loro dicono. Loro….

Nuccio Cantelmi

Commenti

Lascia un commento

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *