, ,

Servizio privato

Nulla di pubblico ieri sera nella trasmissione di Michele Santoro. Soltanto una resa dei conti tra lui è il suo nemico numero uno Silvio Berlusconi che, ormai alla canna del gas, è stato costretto a scendere nell'arena televisiva per lui più…
, , ,

Le mentite spoglie del vecchio

Mitt Romney, sfidante di Barack Obama alle presidenziali USA, non aggiorna più la sua pagina Twitter dal 10 novembre 2012, il giorno della sua sconfitta. Probabilmente non l'ha mai aggiornata, se ne sarà occupato il suo staff. E', questo,…
, ,

La macelleria politico-mediatica

Non passa giorno che non vengano riportare, dai principali media, le opinioni della gente sulla politica, attraverso la diffusione di sondaggi e interviste o la partecipazione a dibattiti e talk show. Ma nonostante il coro sia unanime e consideri…
, ,

I media-partito

I media dell'era post-berlusconiana stanno mutando pelle. E' in atto una mutazione genetica. Se durante i governi Berlusconi il compito di una parte di essi è stato quello di abbatterlo politicamente, oggi sono essi stessi a scendere in campo.…
, ,

Obama e Osama, la civiltà e la barbarie.

Tutti d'accordo, tutti allineati, nessun dissenso. Il giorno dopo l'uccisione di quello che i media ci hanno sempre raccontato impersonificare il barbaro, il nemico numero uno dell'Occidente civilizzato, Osama Bin Laden, sono tutti concordi…
, , ,

Le primarie al contrario

E' tempo di elezioni e l'avvio delle campagne elettorali coincide quasi sempre con la cancellazione del passato. Le campagne elettorali hanno il potere di rigenerare i candidati, di compiere quella “rivergination” (per citare il titolo di…