Dice la senatrice Unterberger (SVP): “Il premier Conte è elegante e così diverso dagli altri politici italiani che usano solo i social e urlano“. E’ chiaro che non si tratta dell’eleganza che si può comprare con l’acquisto di vestiti. E’ un altro genere di eleganza.
Una volta una mia amica indossatrice mi disse: “un uomo veramente elegante è colui che rende elegante l’abito che indossa, non viceversa“. Forse è per questo motivo che ho sempre considerato poco eleganti quelle top model che esibiscono abiti senza avere eleganza propria, quell’eleganza naturale che io definirei “nuda”.
Ed è per questo motivo che considero segno di volgarità ostentare abiti “esclusivi”, i marchi che vendono prodotti “esclusivi” fondano il proprio successo sulla sensazione dei propri acquirenti di non aver nulla di “proprio”. Non è un caso che in questi ultimi anni siano cresciuti contemporaneamente il lusso e la volgarità.
Giorni fa, guardando per pochi minuti la seduta al senato, ho percepito che si è creata negli ultimi anni in Italia una discriminante che supera ogni discriminante politica o ideologica, è la discriminante tra eleganza e volgarità.
Conte è parso anche a me uomo elegante in mezzo a una maggioranza di buzzurri, uomini e donne urlanti in preda alla ostentazione del proprio niente.
Come è stato possibile che il paese dell’arte, il paese che produce ancor oggi i più bei vestiti del mondo (per l’equilibrio delle forme) sia percorso da correnti impetuose di volgarità? Come è stato possibile che gli italiani, come ricorda Giovanni di Lorenzo (direttore della rivista tedesca Die Zeit) ridano, oggi, di ogni cosa seria?
Certo, decenni di film italiani cosiddetti nazional-popolari (Sordi, Fantozzi, i cinepanettoni, i tanti show televisivi in cui è premiata ogni forma di scurrilità) qualche effetto hanno sortito. Ma non è solo questo.
L’amico Massimiliano Capalbo ha notato, ed è notazione di rilievo, che il premier Conte è l’unico dei politici al governo a non esser mai stato eletto, non è mai stato né deputato né senatore. Questo significa che il sistema di selezione politica usuale non seleziona i migliori, ma i peggiori, gli uomini migliori stanno all’esterno del Parlamento. Non credo sia questione di sistema elettorale.
Il fatto è che la competizione politica si svolge ormai prevalentemente nei media e i media seguono le leggi di mercato e il mercato obbedisce al dominio degli istinti, non all’intelligenza.
Vorrei un governo elegante, temo che il prossimo non lo sarà. A meno che non intervenga una limitazione dello strapotere dei media. In Svizzera, ad esempio, in alcuni referendum non è ammesso il ricorso agli spot televisivi, l’elettore riceve a casa un opuscolo in cui sono illustrate le posizioni dei campi avversi ed è poi lasciato solo con la propria intelligenza.

Giuliano Buselli

Commenti

Lascia un commento

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *