A ridosso di Pasqua, sfogliando il Quotidiano della Calabria mi imbatto in un paginone centrale dal titolo “Speciale Lorica” con un titolo che recita così: “Benvenuti a Lorica la perla della Sila“. Un inserto di quattro pagine che dà subito l’impressione di essere un’operazione di promozione della nota località silana salvo poi, approfondendo la lettura, scoprire trattarsi di una perla di comunicazione-boomerang.
Nella prima pagina, dopo il benvenuto, compaiono quattro foto: una del centro di canottaggio ancora in costruzione, una del battello elettrico, una di alcuni pedalò parcheggiati sulla riva del lago Arvo e una del paesaggio circostante. Di seguito un testo scopiazzato da Wikipedia che racconta, per sommi capi, la storia di Lorica. A contornare l’inserto la promozione di un’imminente “Festa della Primavera” che si sarebbe svolta di li a pochi giorni, per il ponte del 25 aprile, con i loghi di due Assessorati alle Attività Produttive (presumo Regione e Provincia), della Proloco di Lorica, dei CAI di Cosenza, di Legambiente Sila, della Polisportiva Lorica e di un’associazione di appassionati di MTB chiamata Gran Bosco d’Italia.
Nelle due pagine centrali dell’inserto, contornate dagli inserti pubblicitari di alcuni esercizi commerciali del posto, un articolo dedicato alla Pro Loco di Lorica dal titolo “Pro-loco Lorica la prima della Calabria“, in cui vengono rese pubbliche alcune beghe interne alla stessa e note alcune ambizioni del nuovo presidente (già vecchio) subentrato al vecchio accusato, con la sua gestione, di aver “toccato il fondo“. Ma c’è anche spazio per elencare le numerose sinergie che si stanno attuando con le associazioni del territorio, relegate in un piccolo riquadro azzurro.
Nell’ultima pagina, finalmente, il lettore un pò spaesato da quanto letto fino a quel momento può scoprire “Cosa fare a Lorica” presumendo che questa fosse la motivazione per cui l’inserto è stato redatto e pagato. Sarebbe interessante sapere se con fondi pubblici o privati. Nel primo caso si tratterebbe dell’ennesimo sperpero di denaro pubblico, anche perchè i turisti non leggono il Quotidiano (ma non vogliamo essere maliziosi presumiamo che ci si volesse rivolgere al turista di prossimità, il calabrese); nel secondo caso si tratterebbe di un atto di masochismo ma è molto probabile che gli inserzionisti fossero all’oscuro dei contenuti prima della loro pubblicazione.
Leggendo la pagina si scopre che si da ampio risalto a qualcosa che “dovrebbe aprire i battenti prima dell’estate 2014” ovvero il Centro di Canottaggio; che si può fare un giro sul lago a bordo del battello elettrico e che d’inverno c’è una pista da sci per principianti e il bob su rotaie (in realtà ci sarebbero anche gli impianti di risalita di Botte Donato ma sono stati chiusi quest’anno per scadenza della loro vita tecnica). Solo cinque righe vengono dedicate all’unico impianto innovativo che meriterebbe di essere messo in risalto, realizzato e funzionante da qualche anno, ovvero il parco avventura “Silavventura” e poi, udite udite, ampio spazio viene dato con tanto di foto a un campo di basket e di pallavolo e ai campi di calcio, impianti rarissimi da trovare in giro ma soprattutto motivazione di viaggio per potenziali turisti. Chi di voi non ha mai preso una macchina per andare a giocare a pallone a 2 ore da casa?
Sintetizzando, il messaggio di questo inserto è il seguente: nella prima pagina vi raccontiamo come eravamo belli in passato, nelle pagine centrali vi raccontiamo perchè siamo ridotti così e nell’ultima pagina vi diciamo come potremmo essere in futuro (se finiamo i lavori per tempo), ma intanto vi invitiamo a venirci a trovare.
Credo che questo inserto sintetizzi perfettamente tutta la nostra incapacità di raccontarci e promuoverci ma, soprattutto, evidenzi le ragioni per cui una delle località più belle della nostra regione, Lorica, (come molte altre) sia ridotta ad un deserto. Era veramente difficile riuscire in quest’impresa ma noi calabresi di fronte alle sfide impossibili ci esaltiamo.

Massimiliano Capalbo

loricaAloricaBCloricaD

Commenti

Lascia un commento

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *