, ,

Sette miliardi di uomini trattati da idioti

Ma davvero ci credete? Davvero credete che il terrorismo, le guerre, la fame nel mondo, le fughe dei migranti, la volatilità delle borse, l’instabilità politica, siano fenomeni che la grande politica planetaria intende seriamente contrastare? Vi illudete: tutto questo è voluto, pensato, prodotto proprio dalla grande politica planetaria, che vedete ritratta in questa fotografia emblematica e spudorata.
Che non è neanche politica ma pura e semplice finanza criminale. Davvero credete che i terroristi siano integralisti islamici impazziti? O che l’Isis sia un califfato islamico indipendente? O che i dittatori che affamano e torturano nel terzo mondo siano dei folli? Chi detiene il potere finanziario mondiale, se volesse, potrebbe cancellare terrorismo, fame, conflitti, dittatori … in pochi giorni. Ma se sono capaci di affondare le borse, di far fallire banche, di strangolare nazioni, di spostare enormi capitali con un clic! Davvero credete che non possano porre fine a tutto quel che accade di cattivo nel mondo? No, non vogliono farlo! Perché a loro, le guerre, l’instabilità politica, i dittatori, perfino i terroristi fanno un gran comodo. Servono a tenerci tutti in ansia, a convincerci che siamo circondati da nemici, che il nemico è il nostro vicino di casa sol perché ha la pelle di un colore diverso o perché crede in un Dio diverso. Servono ad imbottirci di droghe, ansiolitici, antidepressivi, junk food, tifo calcistico, vitalismo paradossalmente nichilista. Servono a imbonirci con l’informazione spazzatura artatamente prodotta dai media di loro esclusiva proprietà. Servono a distogliere la nostra attenzione dai loro affari, nei quali non contano nulla le differenze politiche e religiose. Negli affari no, non ci sono dittatori, terroristi, migranti, conflitti. In quel mondo alla Dubai c’è ordine, pace, concordia. In nome di un solo Dio: il profitto smisurato.

Francesco Bevilacqua

Commenti

Lascia un commento

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *